Blog: http://pesetasottopeso.ilcannocchiale.it

CHESTA E' 'A ZITA, E SE CHIAMA SABELLA!

( La lettera del Presidente della Repubblica al Corriere della Sera )


Io sò uosso tosto a scurtecà.
Comm'è 'a musica, accussì abballammo, ce truamme a ballà e ballamme! Besogna ajutarse a ccance e a mmuorze, cù 'a faccia tosta se campa 'a casa. Eravamo comme 'o ciuccio 'e Fichella, nuantanove chiaje e 'a coda fraceta, ma quanno 'o mellone jesce russo, ognuno ne vò na fella. Però, a cavallo 'e razza non serve o scurriato.
Ate voluto 'u cocco munnat'e buon, ca doje noce dent' 'o sacco nun fanno rummore. Accussì, aggia piantato vruoccole e sò asciute cavlisciure!   E pierze Filippo e 'o panaro: Mario, int' 'a vocca chiusa non traseno mosche, pecchè vaie mettenno campanelle 'ncanna 'a gatta?
Malo masto songo, mali fierri tengo, nun me chiammate ca nun vengo.
 
TRADUZIONE:

( CHESTA E' 'A ZITA, E SE CHIAMA SABELLA! )

QUESTI SONO I FATTI, E BASTA!

Io sono un osso duro da scorticare.
In base a come è la musica, adeguiamo il ballo, e infatti ci siamo trovati a ballare... e balliamo, siamo in questa situazione e la affrontiamo.
 E' necessario darsi da fare, anche a calci e morsi, tocca mandare avanti la baracca con la faccia tosta. Non vi ricordate? Eravamo come il ciuco di Fichella, con novantanove piaghe e la coda in cancrena. Certo, quando il cocomero càpita buono, ognuno ne reclama una fetta. Al cavallo di razza non serve la frusta,  sono stato costretto a sbucciarvi il cocco ( come se fosse facile...), e siccome due noci nel sacco non fanno rumore, in pochi non ci sono risultati.
Così, ho seminato broccoli, ma sono spuntati i cavolfiori. Hai perduto l'amico e il paniere: Mario, nella bocca chiusa non entrano le mosche, perchè vai attaccando il campanello addosso al gatto?
 Non sono un bravo artigiano, non ho dei buoni attrezzi, non mi chiamate proprio.

Pubblicato il 12/2/2014 alle 20.52 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web